SEIEFFE s.r.l. - Quartz Surface
  blank Logo -Home page
Chi Siamo Mission Brand Sostenibilita Certificazioni job Contatti

Seieffe

Seieffe

OKITE

Seieffe nel Mondo

Stabilimento

Quarzo

OKITE Pietre Preziose

Antonio Izzo
Antonio Izzo

CHI E' Antonio Izzo

Imprenditore classe 1959. La prima attività industriale che vede impegnato direttamente Antonio Izzo parte nel 1980 quando per la sua passione per le strutture di cemento armato è promotore, insieme ai fratelli, della SEIEFFE Prefabbricati, azienda per la produzione di manufatti in cemento armato atti alla realizzazione di opere civili ed industriali (ponti, strade, cavalcavie, scuole, capannoni industriali). 
Nel 1987 fonda la società finanziaria denominata SO.FI S.p.A. operante nel settore del credito.
Nel 1995 viene realizzato un grande stabilimento industriale nel comune di Bonea. L’azienda, operante nel settore della prefabbricazione, è chiamata TRAVI SUD, mentre la SEIEFFE Prefabbricati si trasforma in impresa generale di costruzioni.
Nel 1997 a seguito della grave crisi economica che aveva colpito il settore e dopo un’attenta analisi di mercato, si individua un ambito produttivo per un mercato globale. Si avvia cosi una grande scommessa imprenditoriale nella produzione dei un prodotto innovativo di quarzo-resina le cui applicazioni sono legate all’interior design.
Nasce cosi una nuova azienda denominata SEIEFFE INDUSTRIE e il suo prodotto “OKITE”.

Otre all’attività di imprenditore Antonio Izzo ha ricoperto la carica di Presidente dell’ Unione degli Industriali della provincia di Benevento, dall’ ottobre 1992 all’ottobre 1999, promuovendo e portando a termine il patto territoriale della provincia di Benevento. Tale iniziativa ha impegnato risorse economiche pari ad oltre cento miliardi delle vecchie lire favorendo l’insediamento di tredici nuove unità produttive, le quali hanno occupato oltre  1.000 dipendenti. E’ stato uno dei primi 5 patti territoriali nati in Italia. Quest’esperienza, di concerto con le primarie istituzioni locali e con la direzione generale del Ministero del Bilancio, è stato il primo esperimento in Italia per quanto riguarda la metodologia e le regole di gestione dei patti territoriali che sono seguiti.